December 9, 2021
Read Time:2 Minute, 22 Second

A Varanasi la chiusura totale non ha fermato solo la vita, ma anche tutti i rituali legati alla morte. 

Varanasi coronavirus e cremazioni: Il virus è invisibile e rappresenta una minaccia astratta. Ciò che si può vedere e contare invece è il numero di cadavere che arrivano ai ghat per le cremazioni quotidiane. Questo numero è diminuito drasticamente, con conseguenze economiche disastrose per chi si occupa della cremazione “

Ad Harishchandra Ghat; prima del virus arrivavano circa 30-50 corpi ogni giorno. Ora, ce ne sono solo sette o otto. A Manikarnika Ghat, il più importante per le cremazioni, le pire funebri sono scese a 30 alle 100 – 120 garantite prima del covid.

Questa situazione ha causato la perdita di lavoro per molti addetti ai riti funebri.

Sono infatti alcune famiglie di spicco a detenere i diritti sulla fiamma sacra e di conseguenza sul rito delle cremazioni, che garantisce introiti di Rs 1.300 per cadavere. Mentre il lavoro vero e proprio lo svolgono uomini ( paari ) che si trovano in fondo alla gerarchia dom. Questi ultimi guadagnano molto meno. Sono regolati da un sistema di turni e rotazioni che limita i loro giorni lavorativi e limita i loro guadagni.

Varanasi coronavirus e cremazioni.  DOM

Per ironia  i dom, uomini che, senza troppi problemi, rompono i teschi dei morti dopo averli consegnati alle fiamme. Uomini abituati alla morte. Uomini che nella loro vita hanno visto di tutto , sono scappati a gambe levate quando il primo cadavere infetto da coronavirus è arrivato. Perdendo lavoro e redditto.

Circa 800 dom  vivono proprio accanto a Harishchandra Ghat in una colonia chiamata Pitambar Nagar.   Quando l’amministrazione ha iniziato a portare i cadaveri  affetti da coronavirus al crematorio a gas, molti hanno avuto paura che il fumo che si alzava dal camino disperdesse il virus sulle loro case, creando il caos nella colonia.

Kashi è mukti ka sthaan“, La convinzione che essere cremato a Kashi assicuri il moksha , la liberazione dal ciclo di nascita e morte, porta cadaveri da ogni parte del mondo.  “Anche dall’America”

A parte tali eccezioni, era abbastanza regolare che arrivassero cadaveri a Kashi dagli stati vicini Uttar Pradesh, Bihar, Jharkhand, Madhya Pradesh, Chhattisgarh, Bengala.  Ma il blocco ha fermato questo costante flusso di ” materie prima”

Non solo il numero di cadaveri è diminuito, ma le famiglie risparmiano sulle spese del funerale. Anche chi è riuscito a portare il corpo qui, durante il blocco, percorrendo strade presidiate dalla polizia e che ha dovuto sobbarcarsi costi di trasporto proibitivi. hanno poi risparmiato sui costi della funzione. Quantità e qualità della legna, qualità della stoffa , ecc… 

Il governo ha assicurato la distribuzione di 5 kg di riso per persona e 1 kg di chana per famiglia. Nonostante questo , molte famiglie, persa la fonte di reddito legata ai funerali , si trova ora in grosse difficoltà economiche.

Autore del Post

Luciano

Previous post La valigia indiana
Next post Goa Divar Island
error: