December 9, 2021
Read Time:8 Minute, 0 Second

Da sempre le spezie hanno condizionato la storia del genere umano in tutto il globo. in india le spezie e i frutti hanno avuto un ruolo predominante nella vita del subcontinente asiatico.

Erano tra gli oggetti di commercio più preziosi in epoca antica e medievale in Asia.  Già nel 3500 a.C. gli antichi egizi ne usavano vari tipi.  L’uso delle spezie si diffuse attraverso il Medio Oriente verso il Mediterraneo orientale e l’Europa.  Spezie provenienti da Cina, Indonesia, India e Ceylon (ora Sri Lanka) erano originariamente trasportate via terra da carovane di asini o cammelli.  Per quasi 5000 anni, gli intermediari arabi hanno controllato il commercio delle spezie, fino a quando gli esploratori europei hanno scoperto una rotta marittima per l’India.

mappa le spezie in india

La ricerca di un modo più economico per ottenere spezie dall’Oriente ha portato alla grande Era dell’Esplorazione e alla scoperta del Nuovo Mondo.  Cristoforo Colombo nel 1492 si diresse verso ovest dall’Europa per trovare una rotta marittima verso le terre delle spezie, ma trovò le Americhe.  Nel 1497 il navigatore portoghese Vasco da Gama scoprì una rotta marittima attorno alla punta meridionale dell’Africa, raggiungendo infine Kozhikode sulla costa sud-occidentale dell’India nel 1498. Da Gama tornò dal suo viaggio con un carico di noce moscata, chiodi di garofano, cannella, zenzero e  grani di pepe. 

Le spezie e i frutti

Curcuma
curcuma le spezie in india

La curcuma è una pianta della famiglia dello zenzero, originaria del sud-est asiatico. Le radici sono macinate producendo una polvere giallo-arancio intenso, è usata come colorante e aroma in molte cucine asiatiche. Nelle ricette al di fuori dell’Asia meridionale, la curcuma a volte viene utilizzata come agente per conferire un colore giallo dorato. È usata in molti prodotti come bevande in scatola, prodotti da forno, latticini, gelati, yogurt, torte gialle, succo d’arancia, biscotti, popcorn, cereali, salse ecc. Nella medicina ayurvedica è usata per trattare varie malattie, come indigestione, infezioni della gola, raffreddori comuni o disturbi del fegato, nonché per via topica, per pulire le ferite o curare le piaghe della pelle.

Noce di betel:
noce di betel le spezie in india

La noce di betel è un seme di palma Areca.  I marinai olandesi e portoghesi portarono il dado dal Kerala in Europa nel XVI sec.  In India, Sri Lanka e Cina, le noci di betel non sono solo masticate, ma sono anche utilizzate nelle medicine ayurvediche.  La noce di areca in polvere viene utilizzata nei dentifrici.  Altri usi tradizionali includono la rimozione di tenie e altri parassiti intestinali.

Bixa Orellana
Bixa Orellana

Bixa Orellana è un arbusto o un piccolo albero originario della regione tropicale delle Americhe.  Originari del Nord, del Centro e del Sud America Originariamente di usavano i semi per fare la vernice rossa per colorare il corpo e il rossetto, oltre che una spezia.  In India e Sri Lanka fu introdotto dagli spagnoli nel 17 ° secolo.

Carambola o Starfruit :
carambola le spezie in india

Carambola è il frutto dell’albero molto popolare in tutto il sud-est asiatico, il Pacifico meridionale e la Micronesia, l’intero frutto è commestibile, la polpa è croccante, soda ed estremamente succosa.  Il gusto è difficile da confrontare, Possono anche essere usati in cucina e possono essere trasformati in condimenti, conserve e bevande al succo. Con  mix di mela, pera, uva e agrumi

Cardamomo:
cardamomo le spezie in india

Cardamomo è una spezia prodotta dai semi di diverse piante della famiglia delle Zingiberaceae originaria dell’India, del Bhutan, dell’Indonesia e del Nepal.  Il cardamomo è la terza spezia più costosa del mondo,è usato come aroma e spezia da cucina in cibi e bevande e come medicina.  È un ingrediente comune nella cucina indiana.  I semi sono talvolta usati come gomma da masticare. 

Zenzero
zenzero

Zenzero è una pianta la cui radice è ampiamente usata come medicina popolare,appartiene alla stessa famiglia della curcuma e il cardamomo.  Originario della foresta pluviale tropicale nell’Asia meridionale, è stato esportato in Europa attraverso l’India nel 1 “secolo d.C. Lo zenzero produce una spezia calda e profumata da usare in cucina. Le radici possono essere immerse in acqua bollente per preparare il tè alle erbe allo zenzero, con miele e limone. Lo zenzero può essere trasformato in caramelle o vino allo zenzero.

Pepe lungo nero :
pepe lungo nero le spezie in india

Il pepe lungo indiano è una vite fiorita, coltivata per i suoi frutti, che di solito viene essiccata e utilizzata  come spezia. Oggi, il pepe lungo è un ingrediente molto raro, ma si trova ancora nei sottaceti di verdure indiani e nepalesi. Il primo riferimento proviene da libri antichi dell’Ayurveda. Raggiunse la Grecia nel 5 “secolo a.C., anche se Ippocrate  ne parla come un medicamento piuttosto che una spezia.  È ampiamente usato come erba culinaria nelle cucine asiatiche e anche come erba medicinale in India.  Può essere essiccato in polvere o utilizzato fresco.  È comunemente usato in tè, zuppe e curry.  La ricerca mostra che l’olio di citronella ha proprietà antifungine.  Nonostante la sua capacità di respingere alcuni insetti, come le zanzare, il suo olio viene utilizzato per attirare le api da miele.

Frutto della passione :
frutto della passione

Passiflora edulis o frutto della passione è una vite originaria del Brasile meridionale il Paraguay e l’Argentina settentrionale.  I suoi nomi comuni includono frutto della passione e maracuyá.  Il frutto viene sia mangiato che spremuto;  Il succo di frutta della passione viene spesso aggiunto ad altri succhi di frutta per migliorare l’aroma. 

Anacardio :
anacardio

L’anacardio è un albero sempreverde tropicale che produce semi di anacardi e anacardi.  È originario del Brasile.  I portoghesi iniziarono ad esportare gli anacardi negli anni ’50 del 1500.  La maggior produzione avviene in Vietnam, Nigeria, India e Costa d’Avorio.  La noce viene consumata da sola, utilizzata nelle ricette o trasformata in burro di anacardi con formaggio di anacardi.  Il guscio dell’anacardio può essere utilizzato in molte applicazioni tra cui lubrificanti, impermeabilizzanti, vernici.  La polpa di anacardi può essere trasformata in una bevanda dolce o distillata in liquore. il Feni

Cannella:
cannella

La cannella è una spezia ottenuta dalla corteccia interna dell’albero del genere Cinnamomum.  È originario dell’India, dello Sri Lanka, del Bangladesh e del Myanmar. La cannella viene utilizzata principalmente come condimento aromatico e additivo aromatizzante in un’ampia varietà di cucine, per piatti dolci e salati.  Era noto dall’antichità remota, fu importato in Egitto già nel 2000 a.C.

Cocco:
il cocco

Il cocco, Il termine cocco deriva dalla parola portoghese “testa” del XVI secolo.  Le noci di cocco sono famose per la loro grande versatilità, come dimostrano molti usi tradizionali.  Possono essere usati per dare olio.  L’olio e il latte sono comunemente usati in cucina e frittura, ma anche in saponi e cosmetici.  Le bucce e le foglie possono essere utilizzate come materiale per realizzare una varietà di prodotti per l’arredamento e la decorazione.  Il cocco ha anche un significato culturale e religioso in India, dove viene utilizzato nei rituali indù.

Foglie di curry:
curry

L’albero di curry è un piccolo albero tropicale o subtropicale originario dell’India e dello Sri Lanka, le sue foglie sono utilizzate in molti piatti dell’India, dello Sri Lanka e dei paesi vicini.  Spesso usato in curriese.  Per le sue caratteristiche proprietà aromatiche, viene utilizzato in cosmetica e per l’aromaterapia.  In assenza di foglie di tulsi, le foglie di curry vengono utilizzate per i rituali, come le puja. 

Pepe :
le spezie pepe

Il pepe nero è una vite in fiore coltivata per il suo frutto che viene solitamente essiccato e usato come spezia, è la spezia più commercializzata al mondo.  Il pepe nero è originario dell’India meridionale ed è ampiamente coltivato lì, il pepe macinato essiccato è stato utilizzato fin dall’antichità sia per il suo sapore che come medicina tradizionale.

Piri Piri:
peperoncino piri piri

Piri è un peperoncino che cresce allo stesso tempo selvaggio e come coltura.  Cresce nei paesi africani ed è stato portato dai portoghesi nei loro territori indiani di Gujarat e Goa.  La salsa piri piri (usata come condimento o marinata) è di origine portoghese.  Le ricette variano da regione a regione ma gli ingredienti comuni sono peperoncino, limone, olio e peperoni rossi.

Tulsi:
tulsi

Tulsi comunemente noto come basilico santo è una pianta aromatica originaria del subcontinente indiano, è coltivato per scopi religiosi e medicinali e per il suo olio essenziale.  È comunemente usato nell’Ayurveda.  Le foglie di Tulsi sono una parte essenziale del culto di Vishnu e dei suoi avatar, tra cui Krishna e Ram.  Questa pianta è venerata come un elisir di vita.

Vaniglia :
le spezie vaniglia

La vaniglia è un aroma derivato dalle orchidee principalmente dalle specie messicane.  La vaniglia è la seconda spezia più costosa dopo lo zafferano.  È ampiamente usato in pasticceria, produzione di profumi e aromaterapia.  L’impollinazione è necessaria per impostare il frutto di vaniglia da cui deriva l’aroma, l’impollinazione manuale ha permesso la coltivazione globale della pianta.

Jackfruit:
jackfruit le spezie in india

Il jackfruit ~è talvolta chiamato jako o giaca, il cui nome scientifico è Artocarpus heterophyllus, è un frutto esotico dall’aspetto bizzarro, non molto conosciuto nei mercati europei.È il più grande frutto da albero al mondo, potendo raggiungere anche il metro di lunghezza e il mezzo quintale di peso. I giganteschi frutti hanno una buccia protettiva tempestata di piccoli spunzoni, all’interno della quale troviamo numerosi semi ricoperti di fibrosa polpa gialla, dolce, il cui tipico aroma sembra un incrocio di ananas e mango.È endemico dell’India e dei paesi limitrofi del Sud Est asiatico ed ha grandi difficoltà a crescere in paesi dove le temperature rasentano lo zero.

come usare le spezie? Ricette

Autore del Post

Luciano

Previous post Delhi : terza parte
Next post Insalata Goana
error: