May 20, 2022
Read Time:2 Minute, 30 Second

Benares

La città più santa dell’India, migliaia di pellegrini indù vi giungono da ogni stato indiano, ogni giorno migliaia di puja vengono celebrate sui suoi ghat, Benares, la città santa, è il miglior luogo dove morire, per un indù ovviamente. Difficile non esserne completamente attratti o non restarne quantomeno colpiti.

benares   sadhu

Varanasi è una delle più antiche città ininterrottamente abitate al mondo. Vecchia sì certo ma in continua evoluzione e viva come non mai. Con insediamenti risalenti all’XI secolo a.C. è situata nel nord dell’India, considerata la capitale spirituale dell’induismo

benares la città Santa puja

Diamo prima uno sguardo a qualche numero :

3.682.194 abitanti

87 ghats: Da nord a sud

2 Fiumi: Varanasi è situata sul Gange alla confluenza di due fiumi: il Varuna e il torrente Assi

3000 Templi: Con quasi 3.000 templi e santuari che punteggiano il paesaggio della città, Varanasi viene spesso definita la Città dei Templi. Ogni viuzza di questa antica città, infatti, ospita uno o più templi.

4 stazioni ferroviarie

5 Malls: per Shopping, cibo e divertimento nel 2022

4 Grandi università: Banaras Hindu University – Indian Institute of Technology, BHU – Central University of Tibetan Studies – Sampurnanand Sanskrit Vishvavidyalaya


Dashashwamedh Ghat:

È il principale ghat e il più frequentato, lo si raggiunge proveniendo dalla larga Luxa road. Tutte le sere al tramonto si svolge il Ganga Aarti (rituale di preghiera e offerta al fiume Gange). Numerosi sacerdoti eseguono questo rituale accompagnati da canti e musiche. Gli aartis speciali si svolgono il martedì e durante le feste religiose.

benares la città Santa meditation

Procedendo verso nord, quindi a sinistra si incontra Manikarnika Ghat( ne parlo qui), il ghat delle creazioni, continuando in questa direzione passeggiando sui Ghat, se si hai voglia di camminare, puoi raggiungere il ponte della ferrovia che scorgi in lontananza e la fine delle gradinate che scendono al fiume. Più ti allontani dal centro e più l’atmosfera si fa tranquilla e meno “turistica”, panni stesi e lavandai si alternano a gath meno frequentati ma molto, molto interessanti.

Se ti dirigi invece verso sud, i ghat si susseguono, ricchi di vita e di turisti, è questa la più classica passeggiata. Non mancano venditori di Chai e barcaioli pronti ad offrirti un giro in barca.

pellegrini

Nei pressi del Satyawadi Harishchandra Temple, si trova un altro luogo di cremazione, più intimo e dove è possibile sostare sulle panchine vista Gange. Prosegui e arrivi ad Assi ghat, il più frequentato da turisti occidentali e il più a sud. Molte guesthouse economiche si trovano qui. C’è molto spazio per sedersi e godersi il divenire delle cose. Anche qui tutte le sere si può assistere alla cerimonia del Ganga Aarti.

Non puoi farti mancare un giro in barca, consigliato la mattina presto o la sera, contratta il prezzo solitamente 200/ 300 rp. È possibile invece da Dashashwamedh Ghat approdare sulla riva opposta, utilizzando le barche collettive 40/60 rp.

benares la città Santa  gath

Varanasi non è solo Ghat e Gange. Anche la città vecchia è ricca di fascino ed è un piacere perdersi per gli stretti ed affollati vicoli.

Autore del Post

Luciano

Average Rating

5 Star
20%
4 Star
20%
3 Star
40%
2 Star
20%
1 Star
0%

5 thoughts on “Benares, la città santa

  1. I’m amazed, I have to admit. Rarely do I encounter a blog that’s equally
    educative and amusing, and without a doubt, you’ve hit the nail on the head.
    The issue is something too few men and women are speaking intelligently about.
    I am very happy that I came across this during my hunt for something regarding this.

  2. Thanks for one’s marvelous posting! I definitely enjoyed reading it, you happen to be a great author.
    I will make certain to bookmark your blog and definitely will come
    back sometime soon. I want to encourage you to ultimately continue your great work, have a nice
    morning!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Prima volta in India
Next post India e le divinità 2
error: