December 9, 2021
Read Time:2 Minute, 34 Second

In india il cielo è incredibilmente azzurro , il lockdown ha reso possibile ciò che fino a qualche mese fa era assolutamente impensabile. Un abbassamento dei livelli di ‘inquinamento si registra in tutte le città indiane.

Buona notizia certamente , ma un killer silenzioso e subdolo potrebbe essere diventato più pericoloso durante questo periodo di chiusura.

L’inquinamento domestico dell’aria interna , noto come HAP.

Il blocco in vigore ormai dal 25 marzo, ha costretto le famiglie indiane a cucinare più pasti del solito in casa. Questo aumento potrebbe aver portato ad un innalzamento di quasi il 2% , circa 150 tonnellate al giorno, delle emissioni totali di PM 2,5 delle famiglie in India. Lo renderebbe noto uno studio del World Resources Institute India.

PM 2.5

Le particelle di PM 2.5 – particelle fini inalabili generate dal consumo di combustibili solidi da biomassa come legno, carbone e sterco, utilizzate spesso per cucinare o riscaldare possono penetrare nel flusso sanguigno.

Circa il 78% della popolazione indiana, una popolazione di ben 1,3 miliardi utilizza abitualmente questi combustibili solidi per i loro bisogni primari e secondari, secondo i calcoli della WRI-India.

L’inquinamento dell’aria interna è un killer silenzioso, specialmente tra i poveri delle città e la popolazione rurale, costoro infatti sono i maggiori utilizzatori di combustibili solidi da biomassa

Circa mezzo milione di indiani muoiono prematuramente ogni anno a causa di malattie causate dall’esposizione a HAP.

 Il principale passo politico intrapreso dal governo per affrontare i costi per la salute umana di HAP è stato quello di incentivare le famiglie a utilizzare gas di petrolio liquefatto pulito per cucinare.

La concentrazione media giornaliera di PM 2,5 all’interno di una casa, dove si utilizza combustibile solido per cucinare può essere di 163-600 microgrammi per metro cubo. Questo dato è tra le 6 e le 23 volte il livello di sicurezza.

l distanziamento sociale sotto Covid-19 può aver ridotto le emissioni legate agli spostamenti. Ma molto probabilmente ha anche interrotto la fornitura di GPL, aumentando così il numero di famiglie che utilizzano combustibili fossili per cucinare. Anche la perdita di lavoro e di reddito potrebbe aver spinto molte famiglie a non utilizzare GPL .

Le conseguenze

Kerala, con un aumento di 20 tonnellate al giorno nelle emissioni  Maharashtra a 15 tonnellate; Bengala occidentale a 14 tonnellate; e Jharkhand a 12 tonnellate stanno emergendo come i maggiori emettitori indoor di PM 2,5; Le conseguenze di queste variazioni si registreranno inevitabilmente nel breve e medio periodo.

Esposizione mortale

Inquinamento domestico. Preoccupa la maggiore esposizione alle emissioni di PM 2,5 di coloro che sono più inclini a sviluppare malattie respiratorie, come bambini e anziani, e al peggioramento dell’esposizione delle donne, poiché passano la maggior parte del tempo in cucina.

Inquinamento domestico  cucina

I bambini appena nati o comunque sotto i cinque anni sono i più vulnerabili. L’inquinamento dell’aria interna ha causato 66.800 morti di bambini sotto i 5 anni nel 2016, il 10% in più rispetto ai 60.900 decessi di bambini sotto i 5 anni a causa di inquinamento dell’aria esterna,

Autore del Post

Luciano

Previous post Fai bei sogni
Next post Il mondo in una stanza
error: